Stefano Battaglia e Michele Rabbia

0
55
foto MitoSettembreMusica, 9.IX - Stefano Battaglia Jazz Club Torino, 9 settembre 2008 Stefano Risso Vocifero, https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/, no change was made

 

Nuovo disco per il pianista Stefano Battaglia accompagnato dal sensitivo percussionista Michele Rabbia, musicista nel suo entourage già da tempo. In questo album chiaramente più democratico, Battaglia divide la sorte delle composizioni con Rabbia e in egual misura ne risentono i brani; disco a sfondo spirituale, ha i suoi momenti migliori in brani come “Kursk requiem”, “Pastorale”, “Sundance in Balkh”, “Tanztheater” dove il duo (anche grazie all’apporto di una leggera elettronica) riesce ad esprimersi in maniera più emotiva, condensando nella sua musica anche aspetti etnici. Lo stile di Stefano Battaglia è originalissimo, poichè combina un secolo di pianismo (Schoenberg, Keith Jarrett, Bill Evans) con un umore particolare, direi pensoso ed introspettivo in una struttura libera, il suo scopo è cercare di entrare nei soggetti dei suoi brani cercando di dargli la propria voce attraverso l’utilizzo “obliquo” del piano come in una moderna ed elaborata forma di Tristano. Battaglia ha il suo tratto distintivo nell’ uso di accordi reiterati per esprimere attesa durante il brano: un’artista di tale caratura è un orgoglio per l’Italia, ma io dubito che sia conosciuto oltre certi ambienti colti.

Ritornando ai due artisti, entrambi sono entrati nella casa discografica ECM già da qualche anno, tuttavia specialmente Battaglia, ha lunga attività discografica dagli anni ottanta presso la italianissima Splach Records; per ciò che riguarda Battaglia vi invito a riscoprire la sua carriera attraverso i suoi 27 albums da solista tra cui,parere personale, i migliori sono quelli in solitudine col piano, le fusioni con l’orchestra Theatrum nonchè le registrazioni radiofoniche in Svizzera.

Breve discografia consigliata:
-Auryn, Splach Records 1988 (in trio con Della Porta e Rocha)
-Baptism,3D Japan 1993 (solo)
-Life of petal, Splash Records 1993 (solo)
-Gesti/Muta(e)zioni, Splash Records 1997 (con l’orchestra Theatrum)
-I primi 3 volumi della serie “The Swiss Radio Tapes: vol. 1 Ecumenica, vol. 2 Musica Centripeda ,vol. 3 Inner book con il trombettista tedesco Michael Gassman, tutti per la Splash 1999.
-Re: Pasolini, ECM, 2007 (soprattutto per il primo disco)

con Michele Rabbia (specificatamente in duo):
-Stravagario, WJ 2001
-Stravagario 2, WJ 2003
Articolo precedenteBilly Cobham in concerto
Articolo successivoMark Feldman & Sylvie Courvoisier
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1500 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.