Analisi armonica di “The days of wine and roses” (prima parte)

0
108
foto tratta da indianapublicmedia.org
Prima parte: utilizzo delle scale più “ingoing”. La prima scala indicata è quella più in going, la seconda e soprattutto  la terza sono meno ingoing.
A: Fmaj7/Eb7/D7b5b9/D7/G-7/Bb-/Eb7/A-7/D-7/G-7/C7/E-7b5/A7b9/D-7/G7/G-7/C7/
B: Fmaj7/Eb7/D7b5b9/D7/G-7/Bb-/Eb7/A-7/D-7/B-7b5/Bb7/A-7/D-7/G-7/C7/F6/
Esempi di scale:

C Lydian: C/D/E/F#/G/A/B/
C Lydian augmented: C/D/E/F#/G#/A/B/

C Lydian diminished: C/D/Eb/F#/G/A/B

SCALE ADOPERABILI:
Fmaj7: F Lydian, F Ionian
Eb7: Db Lydian, Db Lydian augmented, Db lydian diminished
D7b5b9: C Lydian diminished
D7: C Lydian, C Lydian augmented, C Lydian diminished
G-7: Bb Lydian, Bb Lydian augmented, Bb Lydian diminished
Bb-: Db Lydian, Db Lydian augmented, Db Lydian diminished
A-7: C Lydian, C Lydian augmented, C Lydian diminished
D-7: F Lydian, F Lydian augmented, F Lydian diminished
C7: Bb Lydian, Bb Lydian augmented, Bb Lydian diminished.
E-7b5: Bb Lydian, Bb Lydian augmented, Bb Lydian diminished.
A7b9: Db Lydian augmented, Db Lydian diminished
G7: F Lydian, F Lydian augmented, F Lydian diminished
B-7b5: F Lydian, F Lydian augmented, F Lydian diminished
Bb7: Ab Lydian, Ab Lydian augmented, Ab Lydian diminished

 

Articolo precedenteArcangelo Corelli: Trecento anni dopo
Articolo successivoPoche note sul jazz italiano: alla ricerca di graduali attimi fuggenti
GIUSEPPE PERNA, pianista ed insegnante di Armonia Tonale e Modale, è un musicista che propone un modello di improvvisazione totale, che combina il classicismo e il jazz modale d‘avanguardia. La poetica musicale e melodica di Giuseppe Perna è per sua definizione “un tentativo di immersione in sé stessi, per essere in grado di toccare la bellezza” . Nell’arte di G.P. si coglie anche il suo scetticismo sulla società contemporanea, è la musica del fermarsi in tempo, materializzazione nel suono di un vuoto sorprendente, dove l’azione ritmica e melodica spesso è rallentata volutamente per indurre alla riflessione. L’improvvisazione modale libera dal prevedibile e spinge verso l’ignoto di una performance dove l’orchestrazione tipica proposta dalla modernità ufficiale si indebolisce per l’oscuramento dell’ elemento musicale di gravitazione tonale.