La giovane improvvisazione italiana: Federico Pozzer

0
471

Nei suoi esercizi dell’ascolto profondo, Pauline Oliveros fece prestare attenzione alle dinamiche del respiro: l’improvvisare su di esso a determinare condizioni, con una conseguente riflessione di ciò che si era creato, è in definitiva atto compositivo. In verità, respirare è anche un atto biologico che si può ritrovare in molte forme d’arte, come qualità della creazione posta in essere: la scuola newyorchese nei sessanta insegnava come fosse possibile trovare il piacere di un

in alternativa
Articolo precedenteAlwynne Pritchard: it is not just a rockaby!
Articolo successivoRinnovati significati del blues e della statistica: il nuovo lavoro di Rosario Di Rosa
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1600 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.