Girare intorno alle micro-estetiche: Wolfgang Dauner

0
247
Wolfgang Dauner (United Jazz + Rock Ensemble), 23.11.1992, Braunschweig, Jolly Joker Krajazz - Own work, CC BY-SA 3.0

Se nella musica si è benevolmente responsabili di qualcosa, allora il pianista Wolfgang Dauner ne ha molte di responsabilità. La prima si gioca già alla partenza: negli atti di nascita del free jazz tedesco (che è anche indice importante della natalità di quello europeo), nella parte pianistica Dauner ha un posto da pioniere, che qualcuno ha datato nell’esordio di Dream Talk nel 1965;

in alternativa
Articolo precedenteIl quartetto di sassofoni dopo Sigurd Raschèr (seconda parte)
Articolo successivoExformation and virtual movements: the case of Jesper Nordin
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1500 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.