Concezioni e contenuti dell’improvvisazione

0
130

In uno dei suoi saggi Alessandro Bertinetto affermava che “… prima di mettersi all’opera, l’artista, può avere (e di solito ha) un’idea, una concezione, un significato da comunicare (così come un’idea su come realizzare questa “comunicazione”): ma l’evento dell’opera eccede ciò che aveva in mente (ovviamente questa eccedenza può anche essere di segno negativo, manifestando delusione, invece che entusiasmo, per il

in alternativa
Articolo precedentePer una visione ai confini
Articolo successivoSilk songs, opportunità timbriche e lente funzionalità
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1600 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.