Riletture ed accumulazioni

Stefano Travaglini, pianista di formazione classica e compositore, ha dalla sua la visione completa che dovrebbe avere ogni musicista che voglia fregiarsi di questo titolo. Il progetto Monk. Fifteen Piano Reflections, uscito per le Edizioni...

Atteggiamenti coerenti e contesti in movimento

In giro per l'Italia abbiamo splendidi musicisti che vivono una situazione al confine, da una parte impossibilitati nell'ottenere un riconoscimento diretto presso il grande pubblico per via dello strumento e del fatto di lasciare...

Tre prospettive di pianismo improvvisativo

Tre nuovi lavori di pianisti jazz con differente prospettiva creativa. Quando Jason Moran affermò che Pluripotent, il cd d'esordio del pianista Cory Smythe, fosse "...hands down one of the best solo recordings I’ve ever heard...",...

Jazz from Detroit

A scrivere un libro sul jazz di Detroit ci avevano già pensato quasi vent'anni fa due esperti dell'argomento*, tuttavia la loro analisi si perdeva troppo nella storia, nella sociologia e nella mappatura di posti...

Questione di clic

intervista a Enrica Bacchia Qualche anno fa ascoltai per la prima volta la voce di Enrica Bacchia. Con Massimo Zemolin e Stefano Graziani alle chitarre, presentava il suo ultimo lavoro “Chance”. Altri passaggi poi mi avvicinarono...

Le big bands nel jazz dopo Bob Brookmeyer

Delle tante rivalutazioni osservate nel modello di big bands di jazz, c'è ne fu una che ebbe caratteristiche particolari: agli inizi degli anni Novanta si sviluppò un forte interesse per un ammodernamento del repertorio...

Silk songs, opportunità timbriche e lente funzionalità

Silke Eberhard Potsa Lotsa XL - Silk Songs for Space Dogs, Leo Records, 2020. Il progetto Potsa Lotsa della sassofonista tedesca Silke Eberhard assume il nome da una composizione di Eric Dolphy contenuta nell’album...

La giovane improvvisazione italiana: Valeria Sturba

In epoca medievale e rinascimentale l'eclettismo era una qualità distintiva, apprezzatissima, che raggiungeva gli uomini migliori, considerati fari delle generazioni successive: pensate a Federico II di Svevia, che all'apertura del tredicesimo secolo, era non...

Figli di un Dio minore

Eliot Cardinaux - Will McEvoy - Max Goldman, Take me by the hand of darkness, The Bodily Press Eliot Cardinaux con il suo trio imbastisce un discorso musicale che si muove tra musica e poesia...

Saltando su più dimensioni improvvisative

Rassegna di recensioni di musica italiana improvvisata, suonata in maniera non idiomatica, jazz, elettroacustica o con apporto di arti visuali. Ordinate senza nessun ordine di preferenza. L'etnicità nel jazz non è certo una novità, ma...

Articoli Più Letti

Servire l’umanità in evoluzione: Gianni Lenoci

  ...."Dal mio punto di vista, la maggior parte dei musicisti di jazz italiani e non (in particolare quelli più in vista e che quindi...