Free Flow Festival 2022

0
166

Per la 12° edizione del Free Flow Fest a Gravina di Puglia si preparano tre giorni di intensa elaborazione della libera improvvisazione attraverso concerti, laboratori e conferenze che cercheranno di dare delle risposte concrete a coloro che si interrogano sulla bontà di una disciplina che va compresa oltre il semplice fatto musicale o performativo.
Il suo direttore artistico, il trombonista Carlo Mascolo, è uno dei più impegnati e coraggiosi interpreti di una materia che specie al Sud Italia ha sempre stentato a decollare. Ma esiste un pubblico curioso e preparato, per fortuna, che circonda Mascolo, il quale è spesso proiettato all’estero (Portogallo o Francia) per aumentare le proprie conoscenze e catturare personalità artistiche che potenzialmente possono dare tanto nel settore. Dal 29 al 31 luglio ci sarà la presenza della fortissima coppia Adriano Orrù e Silvia Corda, di Peter Jacquemyn, spettacolare improvvisatore dal Belgio che suona il contrabbasso con qualsiasi oggetto (lattine, plastica, carta stropicciata, etc.), della violinista Lucie Laricq (con khaen e toys), del turco Uygur Vural (improvvisazione con background culturale dell’Anatolia), della coreografa Sofia Kakouri, la cantante Elisabetta Lanfredini, il flautista Lorenzo Colocci, il percussionista Vito Basile, l’eccentrico Donatello Pisanello e tante altre scoperte.
Una boccata d’aria fresca nel panorama sempre più mainstream dei concerti in Italia.

Sfoglia qui il programma completo nella pagina Facebook del Festival.

Articolo precedenteGabriel Erkoreka: Works for Solo Piano
Articolo successivoClemens Gadenstätter: multimedia semantic studies
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.