La giovane improvvisazione italiana: Luca Marcìa

0
110
Foto di Lieven Loots

E’ dalla neuroimmagine che abbiamo ottenuto dei brillanti risultati sulla creatività artistica. In sostanza, si è diviso in parti funzionali il cervello umano, collegando sensori in grado di restituire segnali di attivazione delle aree durante una performance, in particolare andando a vedere che cosa succedeva in artisti che improvvisavano. La scoperta incredibile è che durante l’improvvisazione si disattivano

in alternativa
Articolo precedenteRosario Di Rosa nel mondo di Professor Bad Trip
Articolo successivoMA/IN 22 festival
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.