Il ciclo di Wasteland di Maurizio Azzan

0
912

Uno dei più avanzati approcci funzionali alla musica contemporanea consiste nel creare composizione attraverso dei metodi che prendono in considerazione le preparazioni degli strumenti. Se ne può fare un uso variabile, piccole inserzioni in una partitura tradizionale oppure all’opposto una totale immersione nei soundscapes che gli strumenti preparati producono, con partiture che sono l’effetto del profondo contatto e come tali contengono automaticamente i semi dell’invenzione: in queste musiche l’angolatura del compositore fa sempre capo ad una dimensione artistica ulteriore, una che ci permette di oltrepassare i confini ed

Articolo precedenteRosalba Quindici: Dalla camera oscura
Articolo successivoTetuzi Akiyama Trio: Memory is a Poet, Spinning Stories
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.