Ned Rothenberg

0
417
Ned Rothenberg at Appleby Jazz Festival 2007 Andy Newcombe Farnborough, UK - v CC BY-SA 2.0
Una delle applicazioni pratiche dei teoremi di Philip Glass sul futuro della musica classica sta nel sincretismo che si può originare da culture e tradizioni diverse; d’altronde il suo minimalismo era già un cammino in tal senso visto le sue sinergie con la cultura orientale. Quello che però è più difficile da creare è una miscela senza un processo

in alternativa
Articolo precedenteMarc Andrè Dalbavie e la spazialità del suono
Articolo successivoLa Kranky Records e il suo versante ambientale
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.