Il primo interprete libero del trombone jazz: Roswell Rudd

0
740
Fonte Roswell Rudd Autore Christian Sahm Aschaffenburg, Deutschland, Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.0 Generico, no change was made
Sembra che sia stato un pezzo dal titolo Everywhere, di un signore di nome Bill Harris, che abbia acceso l’ispirazione di Roswell Rudd, trombonista deceduto il 21 dicembre scorso nel silenzio assoluto dei grandi canali di comunicazione, ma direi anche nella ridotta esposizione seguita da molta stampa specialistica. Ma tra Harris e Rudd c’era molta differenza: probabilmente Rudd si era innamorato degli

in alternativa
Articolo precedentea conversation with cristiano bocci
Articolo successivoMicrosuoni, il libro di Curtis Roads e le applicazioni sound art
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.