Joni Mitchell e gli anni dorati nel jazz

0
515
fotogramma tratto dal dvd Shadow and light, Asylum 1980

Spesso la buona musica è una questione di ingredienti. Le realizzazioni musicali sono esplorazioni combinate di elementi che qualcuno ha intuito prima, ma che in una nuova veste danno l’esatta idea di quell’artista: applico questa considerazione a Joni Mitchell, una musicista celebrata della musica rock, ma che reputo sia ancora oggi nelle grazie di gran parte degli amanti della musica. Sulla canadese sono

in alternativa
Articolo precedenteOrizzonti innovativi della composizione contemporanea messicana
Articolo successivoMetafore e metamorfosi: Juste Janulyte
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.