L’impuls festival a Graz

0
189

E’ risaputo che uno dei cuori pulsanti della musica contemporanea si trova a Graz. In quel posto tutto l’anno si incrociano argomenti attualissimi, letture specifiche, vie teoriche e pratiche della nuova musica, riunendo parte delle forze migliori della composizione e dell’esecuzione mondiale. Nell’ambito delle attività dell’impuls Academy è stato istituito da tempo anche un festival, che quest’anno si presenta parecchio interessante nonostante tutte le restrizioni pandemiche: in questa edizione, che è partita ieri e finirà il 27 agosto, si potrà assistere a numerose world premiere di molti compositori (direi con un’ottima presenza giovanile), che in un programma diversificato offriranno le loro composizioni al Klangforum Wien, al quartetto Maurice, allo Schallfeld Ensemble, alla Black Page Orchestra, nonché a giovani formazioni come Trio Abstrakt, Latenz ensemble, PPCM-ensemble, con commissioni concordate per il festival; incursioni particolarissime sono previste per pianoforti, clarinetto basso, chitarra elettrica e persino per le applicazioni di machine learning. Con una forte presenza anche italiana (repertorio di Netti, Iannotta, Billone, Stroppa, Momi, Terranova), in termini anche di giovani compositori (Panariello, Guidarini, Bernabei, Clera, etc.), il festival è appuntamento che si concentra su una produzione musicale recentissima, posto ideale per vivere la bistrattata contemporanea nei suoi luoghi principe.

Sfoglia qui il programma del festival e dei partecipanti.

Articolo precedenteIl re dei soundscapes: Raymond Murray Schafer
Articolo successivoUna filosofia congeniale per Paul Motian
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1700 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.