They passed away: Hans-Joachim Hespos, Giancarlo Cardini, Roberto Elli

0
46
Giancarlo_Cardini_durante_un'esibizione_negli_anni_'70, public domain

Tra i compositori che tagliarono il filo della storia musicale negli anni cinquanta/sessanta del secolo scorso ci sono certamente un gruppo di tedeschi dalla spiccata individualità di pensiero. Non solo Stockhausen si affacciò alla porta del cambiamento, ma anche altre poderose intellettualità che non hanno avuto però la stessa sorte di Karlheinz pur lavorando nel canale delle avanguardie:

in alternativa
Articolo precedenteDenis Dufour: Avalanche
Articolo successivoLe ragioni di un cambiamento definitivo: il trio Piccolo-Sharp-Armaroli
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.