Pasquale Punzo: Solo and Chamber Music

0
314

Esiste una possibilità oggettiva di legare la composizione e i suoi messaggi alla percezione dell’ascolto? Stando a Dahlhaus o a Sciarrino, questa opportunità è insita nei procedimenti strutturali della musica, tanto che persino una frammentazione musicale o il silenzio avrebbero i suoi codici espressivi. Questi autori parlavano di formazioni mentali in grado di restituire un senso e di opere musicali plasmatiche, ossia in possesso di una qualità semantica

in alternativa
Articolo precedenteBryn Harrison: A Coiled Form
Articolo successivoGenera: il trio Venitucci-Miranda-Baron
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.