Enno Poppe: prozession

0
177

Sull’utilità morale ricavabile dal periodo di reclusione forzata dovuto al Covid ci sono tesi discordanti. Alcuni lo vedono come un punto di svolta, uno spartiacque della propria vita e di un possibile cambiamento, altri (nettamente più numerosi) lo considerano solo come un ulteriore passaggio dell’umanità nei canali delle cocenti imperfezioni che dominano gli abitanti dell’Universo. Fermo restando che gli interessi specifici di tutti sono ritornati prepotentemente a galla

in alternativa
Articolo precedenteFluxus & NeoFluxus: la parata della Sub Rosa
Articolo successivoMassimiliano Damerini: catene di atomi lucenti
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.