Singularity Codex. Matthew Shipp on RogueArt

0
134
Cover photograph: Joshua Wildman. Clifford Allen & Matthew Shipp, April 2023, New York

Non è facile inoltrarsi criticamente nella discografia del pianista Matthew Shipp, specie se qualcuno ne raccoglie la misura: si parla di circa 200 registrazioni tra pubblicazioni e inediti, una cifra che fa desistere recensori e scrittori dal prenderne pienamente conto ed affrontarla. Sappiamo però che la quantità non è solo un affare di Shipp nel campo dell’improvvisazione e che essa è in definitiva la rappresentazione di un’esigenza del vissuto degli artisti oltre che una testimonianza continua della loro

in alternativa
Articolo precedenteLa giovane improvvisazione libera in Danimarca
Articolo successivoIngrid Laubrock: tragitti compositivi
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.