Sergio Armaroli: sulla densità

0
286

Nel Novecento le teorie sull’ascolto musicale hanno fatto passi da gigante. Tra le grandi novità che abbiamo introitato ci sono gli interessi verso i fenomeni della percezione sonora e verso l’intuizione di un’espansione del significato tipico dei parametri musicali: oggi non è più strano parlare nell’analisi musicale di corrispondenze tra armonia e timbro o tra melodia e densità, per esempio. A proposito della densità, non sono in pochi coloro che a questo parametro hanno attribuito una funzione importantissima, dal momento che in musica la densità degli eventi è capace di fissare il “riconoscimento” nella memoria di un pezzo

in alternativa
Articolo precedenteJacopo Baboni Schilingi: La Firma
Articolo successivoLa giovane improvvisazione libera in Finlandia
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.