SoundOut Festival 2024

0
83

L’Australia non è solo superfice privilegiata per il tennis. Esiste anche un bel numero di musicisti e manifestazioni che spesso accolgono i colleghi di tutto il mondo per incontri di arte e improvvisazioni esplorative. Tra il 2 e il 4 febbraio, per esempio, a Canberra ci sarà la 15° edizione del SoundOut Festival, una rassegna di concerti e workshops organizzata da Richard Johnson, che in passato ha visto il passaggio di eccellenti improvvisatori e sperimentatori come Jon Rose, Cor Fuhler, Sten Sandell, Francois Houle, Isabelle Duthoit, ecc. (qui puoi trovare la pagina bandcamp dell’etichetta discografica SoundOut R. collegata al festival).
Quest’anno la rassegna australiana conterrà 26 artisti provenienti da Australia, Francia, Germania e Cina, che daranno il loro contributo tra sessioni improvvisative, live paintings, sound drawing, elettronica e performance casuali. Qui puoi trovare il programma dettagliato.
Quello del SoundOut Festival è un’occasione per conoscere improvvisatori e sound artists selezionati per le loro capacità, oltre quelli che non conosciamo in Europa per via di una scarsa informazione. In questa edizione ci sono due artisti francesi importanti come il chitarrista Jean-Sébastien Mariage e la cantante sperimentale Guylaine Cosseron, dalla Germania il ricercatore, sound artist e sviluppatore di arte digitale Diemo Schwarz, mentre tra gli australiani sarà parecchio interessante vedere le performance di Jim Denley e Clayton Thomas. Speriamo di avere materiale sonoro e visivo disponibile per una valutazione.

Articolo precedenteContinuare sulla strada delle tecniche estensive: Loriot & Erb in Wabi Sabi
Articolo successivoJulius Eastman: Femenine
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.