Roger Reynolds e l’immaginazione uditiva

0
309
Uno dei problemi spesso più indagati dai compositori è stato quello di una sagace drammaturgia della musica; tenuto conto delle variazioni intervenute nella musica del dopo guerra, tra i compositori statunitensi che ne hanno sviluppato un personale e coerente idioma, Roger Reynolds (1934) trova un posto determinante per diverse intuizioni profuse nella modernità musicale: Reynolds è stato artefice di quel rinnovamento che ha interessato

in alternativa
Articolo precedenteLa musica industriale e la chamber industrial
Articolo successivoLe ultime avventure discografiche del duo Carrier-Lambert tra Canada e Polonia
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.