Ian Power: Maintenance Hums

0
1057
Ian Power, photo permission Aida Kuzucan & Rachael Zeleny.

Nella filosofia della musica ci si è imbattuti spesso nel problema della significatività: teorici come Koopman o Davies hanno riconosciuto che la musica possa fornire dei significati, anche nell’assenza della parola, dove un Kivy, invece, ha sempre fatto fatica a trovarli se non facendo ampie concessioni all’immaginazione. Se è vero che in un pezzo musicale è possibile trovare

Articolo precedenteDumitrescu e Avram con O’Malley allo GRM di Parigi nel 2012
Articolo successivoLa giovane improvvisazione italiana: Federico Calcagno
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.