Mountains move like clouds: Noam Bierstone

0
427
Photo: Elaine Louw Graham

In un saggio del 1979 divenuto ormai storico intitolato Musica spettrale, il compositore e filosofo Hugues Dufourt salutava la rivoluzione che aveva percosso il XX secolo con innegabile successo

      Lo sconvolgimento più radicale che la musica del XX secolo ha conosciuto è senza dubbio di carattere tecnologico, dovuto all’avvento improvviso e generalizzato di placche

in alternativa
Articolo precedenteLa composizione per strumento in solo ed elettronica nel ventunesimo secolo: violoncello (seconda parte)
Articolo successivoSamo Salamon su Eric Dolphy
Marco Benetti è nato nel 1989 a Busto Arsizio, vicino a Milano (Italia). Ha studiato composizione con Giovanni Verrando, Vittorio Zago e Salvatore Sciarrino, frequentando masterclass con Francesco Filidei, Clara Iannotta, Mauro Lanza, Raphaël Cendo e Franck Bedrossian. La sua musica è stata suonata, tra gli altri, da Antonella Bini, Anton Gerzenberg, Emily De Salve, Duo Tubi&Corde, Coro Facoltà di Musicologia, Quartetto Prometeo, Schallfeld Ensemble e Ensemble InterContemporain. Il suo interesse per l'opera e il teatro musicale lo hanno portato a lavorare in questo campo in più occasioni: La traviata norma, messa in scena dal Teatro Elfo Puccini di Milano; Tredici secondi ovvero Un bipede implume ma con unghie piatte, commissione della Biennale di Venezia (Biennale Musica 2019); Bìa. Un passo nuovo, una parola propria, messo in scena al Macerata Opera Festival 2020. Ha studiato anche direzione d'orchestra (Yoichi Sugiyama) e musicologia (Università di Pavia).