Matthew Bourne: Irrealis

0
93

Il pianista inglese Matthew Bourne con il progetto Irrealis sfrutta il momento e l’opportunità per fermare su nastro le sue improvvisazioni per piano preparato. L’idea certamente omaggia John Cage, che per primo invento la possibilità di mutare altezza e timbro inserendo oggetti di vario tipo nel pianoforte, come ricorda nell’intervista rilasciata al compositore Stephen Montague: “…nel 1938

in alternativa
Articolo precedenteLaura Catrani: Vox in Bestia
Articolo successivoKirk Knuffke Trio: Gravity without airs
Nicola Barin è un appassionato di musica jazz e di cinema. Dal 2008 sino a Dicembre 2017 ha condotto il programma di musica jazz "Impulse" per l'emittente radiofonica Radio Popolare Verona. Dal 2016 conduce, per la radio web www.yastaradio.com, il programma di musica jazz "Storie di Jazz". Collabora inoltre con i magazine on-line: www.jazzconvention.net, www.distorsioni.net, www.traccedijazz.it e con la testata giornalistica www.sound36.com. Scrive inoltre per il sito della rivista musicale Jazzit, www.jazzit.it. In passato ha stilato diverse interviste per la testata giornalistica on-line Andy Magazine confluite nel progetto "My Life/My Music", curato dal critico musicale Gianmichele Taormina, che indagava i protagonisti del jazz italiano.