Sulle ali del movimento in qualsiasi tipo di spazio: il pianoforte solo di Claudio Ambrosini

0
132
photo George Becker

Nella concezione del tempo uno schema piuttosto verosimile di progressione lo fornì in filosofia Hegel e anche Marx. Per essi il tempo si ripete secondo delle leggi naturali su cui non si può anteporre contrasto, con eventi ciclici che però non si verificano tali e quali come quelli che li hanno preceduti ma subiscono l’effetto complesso del tempo cronologico e della realtà della vita in cui si manifestano.
Nella

in alternativa
Articolo precedenteNecrologi
Articolo successivoPaul Bley e la trasformazione del jazz
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.