Stefano Taglietti: il Concerto Triplo e una via per il sincretismo

0
527
foto gentile concessione di Taglietti

Non furono pochi gli estimatori del poeta e pittore iraniano Bizhan Bassiri quando si trasferì in Italia. Nella sua teoria del “pensiero magmatico” si ritrovarono molti artisti e musicisti, dal momento che le basi di questo pensiero si incontravano nelle aperture di senso che la composizione mutuava della predisposizione alla creazione artistica: nel manifesto di Bassiri si parlava di un flusso creativo che celebra il nostro rapporto speciale con l’universo, giacché egli sosteneva che “...l’esistenza dell’opera d’arte nel mondo è meteorite proveniente dal cosmo, non appartiene alla terra

in alternativa
Articolo precedenteL’ultimo saluto a Friedrich Cerha
Articolo successivoLa composizione per strumento in solo ed elettronica nel ventunesimo secolo: voce
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.