Pascal Niggenkemper: la vallée de l’étrange

0
202
foto tratta da pagina facebook di P. Niggenkemper

Nel 1970 Masahiro Mori insinuò in una sua teoria che gli uomini di fronte ad un robot sempre più somigliante al genere umano hanno inizialmente una crescente reazione emotiva positiva che però ad un certo punto subisce una brusca inversione, una spiacevole repellenza che comunque viene poi recuperata: Mori chiamò bukimi no tani genshō quell’area di infelice inversione, una definizione giapponese che in inglese sta per uncanny valley.

in alternativa
Articolo precedenteSome thoughts on Peter Brötzmann
Articolo successivoTobia Bondesan/Michele Bondesan/Giuseppe Sardina: Music for Dance
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.