Festival ensemble(s) 2023

0
232

Un festival di musica contemporanea che deve ottenere molta attenzione è quello che si svolgerà a Bagnolet tra il 13 e il 17 settembre al Théâtre L’échangeur. La quarta edizione del Festival ensemble(s) è il proseguimento di un’idea che sottintende le basi di un incontro dei compositori con i principali ensembles di musica contemporanea francesi, impegnati nel ribadire la forza del lavoro collettivo e la fiducia nella ricerca musicale. Nei 4 giorni del festival verranno eseguiti 40 opere provenienti da 27 compositori/compositrici, tramite le rinomate competenze di ensembles come 2e2m diretto da Léo Margue, l’Ensemble Cairn diretto da Jérôme Combier, il Court-circuit diretto da Philippe Hurel, il Multilatérale diretto da Yann Robin e il Sillages di Gonzao Bustos, più l’Ensemble Next, un gruppo formato da 15 studenti di un corso di composizione del conservatorio di Parigi specializzati nella creazione di repertorio contemporaneo.
Chi vuole avere più informazioni può consultare qui il programma e le specifiche finalità del festival che vedrà l’inserimento nel palinsesto di pezzi di Nono, Crumb, Aperghis, Hosokawa, Bedrossian, Filidei, Scroccaro e che sembra privilegiare in linea generale l’incontro della musica organizzata con testi e voce (sarà presente anche Agata Zubel); sottolineo che in più ci saranno 15 nuove composizioni appositamente composte per l’occasione scritte da Ramon Lazkano, Jean-Luc Hervé, Miquel Urquiza, Noriko Baba, Sébastian Gaxie, Bertrand Plè, Lina Tonia e dai giovani creatori del conservatorio; la composizione nuova italiana prevederà invece pezzi importanti per Giulia Lorusso, Lara Morciano e Lorenzo Troiani. 

Articolo precedenteNecrologi d’agosto
Articolo successivoSteve Roden
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.