La giovane improvvisazione libera in Svezia

0
188

Ci sono molti modi per diffondere la musica improvvisata. Ci sono le scuole musicali, le accademie, i concerti e gli incontri plurali (le collettività), le istituzioni ed i workshops, la fondazione di etichette discografiche, la carta stampata e le riviste specializzate. In tutto questo è anche un valore fondante l'”esempio” di un’artista, qualcuno che aperto o fatto da continuatore di un genere musicale: in Svezia, la libera improvvisazione negli ultimi venti anni ha ottenuto un sussulto nazionale ed

in alternativa
Articolo precedenteAddio a Carla Bley
Articolo successivoLa filatura di Sarah Saviet
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.