Percezioni e organismi aperti: Giulio Colangelo

0
264
foto ©Sławek Przerwa

Le teorie sull’informazione e sulla comprensione degli sviluppi delle scienze comportamentali hanno posto in rilievo un ficcante nodo critico per l’umanità e le sue espressioni. Essendo stati invasi praticamente tutti i campi del sapere e qualsiasi dottrina disponibile in natura, è diventato cruciale anche per l’artista chiedersi se i materiali che usa possono diventare complessità di sistema supportate da una psicologia; in sostanza bisognerebbe chiedersi se Freud sia ancora attuale o sia stato soppiantato da un Von Bertalanffy:

in alternativa
Articolo precedenteDemierre, Dörner & Kocher: A Right to Silence
Articolo successivoPascal Niggenkemper: blòc
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.