Ombre di una transizione: la musica di Giuseppe Giuliano

0
242

Roma è una città importante per la composizione e per la libera improvvisazione. Nel decennio 1962-1972 Roma è stata un centro di importanza vitale per le nuove avanguardie musicali con molteplici formulazioni estetiche: compositori come Evangelisti, Guaccero, Macchi, Bussotti, Bertoncini, Curran, Cardew, etc. ebbero il merito di rivoluzionare il pensiero compositivo latente lavorando sulle forme d’espressione e sfumando quasi completamente la divisione concettuale tra composizione e improvvisazione (si parlò subito di composizione instantanea); tutto venne ripensato nell’ottica di una nuova cultura musicale che era attenta non solo alla

in alternativa
Articolo precedentePascal Niggenkemper: blòc
Articolo successivoJacopo Baboni Schilingi: La Firma
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.