Sebastian Hilli: confluence/divergence

0
807

Per entrare nel mondo del compositore Sebastian Hilli (1990) è necessario affrontare il concetto di “intensità” della musica. Il finlandese, nel rapportarsi ad una ricerca che scava nelle modalità con cui esteriorizzarla, apre un problema di estetica di non poco conto. In ogni genere musicale questo risultato è stato ottenuto in maniera differente ed è uno dei principali

in alternativa
Articolo precedentePercussioni australiane del XXI secolo
Articolo successivoCorde, violini e spazi armonici
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.