José Luis Hurtado: Parametrical Counterpoint

0
613

‘Presto con fuoco’: se dovessimo basarci soltanto su questo portrait album a marchio Kairos, diremmo che tutta la produzione di José Luis Hurtado (1975) segua tale indicazione agogica, dispiegandosi in un furibondo affastellamento di timbri acustici grezzi, concrezioni materiche che sembrano trasformare le partiture in superfici aggettanti, vividamente tridimensionali, con la stessa metodica irruenza che diede alle combustioni

in alternativa
Articolo precedenteJanne Valkeajoki e l’opera completa alla fisarmonica di Magnus Lindberg
Articolo successivoCircuiti del tempo
Critico e curatore musicale indipendente, è autore del blog Esoteros (www.esoteros.net), dove pubblica recensioni in italiano e inglese di musica “altra”– sperimentale, avanguardia, improvvisazione e classica contemporanea. E’ stato redattore di Ondarock per 10 anni. È co-fondatore e direttore artistico del progetto culturale Plunge, attivo a Milano e dedicato alla promozione delle più interessanti espressioni della musica elettronica e di ricerca contemporanea; dal 2016 Plunge è guest curator della prestigiosa rassegna di musica elettronica Inner_Spaces presso l’Auditorium San Fedele.