Matteo Cesari rilegge l’intera opera per flauto di Sciarrino

0
137

Nell’immaginifica “ecologia sonora” di Salvatore Sciarrino il flauto ha sempre avuto un ruolo di assoluta preminenza, probabilmente per la sua origine arcaica e per il legame con una mitologia elementale in cui il soffio, il pneuma vitale dell’essere umano ha potuto esprimersi per la prima volta, assieme alle percussioni, in una rudimentale forma strumentale.
Questa sensibilità nel tempo si

in alternativa
Articolo precedenteNei preziosi mondi dell’improvvisazione: Adriano Orrù e Silvia Corda
Articolo successivoGeorg Friedrich Haas: string quartets, solo piano e live electronics
Critico e curatore musicale indipendente, è autore del blog Esoteros (www.esoteros.net), dove pubblica recensioni in italiano e inglese di musica “altra”– sperimentale, avanguardia, improvvisazione e classica contemporanea. E’ stato redattore di Ondarock per 10 anni. È co-fondatore e direttore artistico del progetto culturale Plunge, attivo a Milano e dedicato alla promozione delle più interessanti espressioni della musica elettronica e di ricerca contemporanea; dal 2016 Plunge è guest curator della prestigiosa rassegna di musica elettronica Inner_Spaces presso l’Auditorium San Fedele.