Michael Gordon – 8 [Cello Octet Amsterdam]

0
81
photo from site Cello Octet Amsterdam

A giudicare dalle testimonianze dei suoi principali esponenti (o presunti tali), l’etichetta “minimalismo” non è mai davvero piaciuta a nessuno, forse anche a causa dello stigma che si è portato dietro sin dai tempi dei primi, ottundenti concerti amplificati del Philip Glass Ensemble, a cavallo tra gli anni sessanta e settanta. Figuriamoci, quindi, per la triade portante del

in alternativa
Articolo precedenteThe young English free improvisers (the second part)
Articolo successivoMemory in Motion: Percussion in Surround
Critico e curatore musicale indipendente, è autore del blog Esoteros (www.esoteros.net), dove pubblica recensioni in italiano e inglese di musica “altra”– sperimentale, avanguardia, improvvisazione e classica contemporanea. E’ stato redattore di Ondarock per 10 anni. È co-fondatore e direttore artistico del progetto culturale Plunge, attivo a Milano e dedicato alla promozione delle più interessanti espressioni della musica elettronica e di ricerca contemporanea; dal 2016 Plunge è guest curator della prestigiosa rassegna di musica elettronica Inner_Spaces presso l’Auditorium San Fedele.