Alessandro Milia: sonazzos | solos

0
517

Una delle fortune del compositore è quello di avere i poteri di adattare la propria composizione ai materiali sonori presi in considerazione. Ciò che si crea è qualcosa di più di una mimetizzazione di scopo, è entrare in simbiosi con le risorse della natura o degli oggetti e, fatto non secondario, significa entrare in un contatto più proficuo persino con le vibrazioni dell’umanità.

Per il compositore Alessandro

in alternativa
Articolo precedenteMatthias Kranebitter: Encyclopedia of Pitch and Deviation
Articolo successivoGianni Gebbia & Giovanni Verga: ànemos
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.