Lance dei Crepuscoli: intorno al totem di Marco Stroppa

0
236

La preparazione di un compositore si nutre anche di inventive e principi che non arrivano solo dalla musica. E’ un processo che parte da lontano, quando al compositore gli vennero riconosciute facoltà interstiziali nel campo delle arti. Sotto questo punto di vista un gancio del passato a cui la memoria si appella sempre è quello dei tempi del Gesamtkunstwerk wagneriano, ma in verità ne è passata di acqua

in alternativa
Articolo precedenteIn dialogo con Hugues Dufourt su La Horde d’après Max Ernst
Articolo successivoLa giovane improvvisazione libera in Belgio
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.