Elis Hallik: Born in Waves

0
395

Lavorare nel campo della composizione significa avere ben presente i suoni che il tempo attuale può fornire e sotto questo punto di vista i passi compiuti sono giganteschi, dal momento che una moltitudine di compositori sta guardando dentro l’operazione acustica come testimonianza di un ponte tra la realtà e un’astrazione artistica sensitiva.
Elis Hallik (1986) è una compositrice estone che ha consolidato la sua preparazione tra l’Estonia (con Helena Tulve e Toivo Tulev) e Lione (con Tadini, Pascal e

in alternativa
Articolo precedenteImprovvisazione come semantica d’arte
Articolo successivoZeno Baldi e il Duo Dubois: TRI
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.