Luca Perciballi in solo e con Michele Bondesan

0
101
Photo sito Perciballi, DSC04358

Coppia di uscite discografiche per l’eclettico e prolifico chitarrista modenese Luca Perciballi, già protagonista di un ottimo lavoro col suo trio Organic Gestures nel 2022 assieme ad Andrea Grossi al contrabbasso ed Andrea Grillini alla batteria (“Approximately Grids with a Plan” , Aut Records). Cominciamo da “Sacred Habits” (Kohlaas R.), che è il suo nuovo solo e che potremmo definire opera-mondo o uno scrigno di tesori elettrici dove la scintilla della creatività brilla in continuazione. Questo set solista, che abbiamo avuto di recente anche modo di testare dal

in alternativa
Articolo precedenteBuongiorno Hospice: Germano Scurti sul ‘fine vita’
Articolo successivoRosalba Quindici: Dalla camera oscura
Nazim Comunale (Guastalla, 1975) scrive dal 2018 sul Manifesto e su Il Giornale Della Musica, dal 2019 su SentireAscoltare e dal 2022 su Blow Up. In passato ha scritto per Alfabeta 2, Gazzetta di Reggio, Krapp’s Last Post, Musica Jazz, The New Noise. E' stato speaker radiofonico curando suoi programmi a Mondoradio e Radio Popolare. Organizza concerti di musiche altre a Reggio Emilia e provincia. Ha pubblicato vari libri di poesia: la sua raccolta più recente è Tu, ira (Il Convivio Editore, 2021) e dischi con differenti band: gli ultimi sono quelli degli Iran, su Aagoo Records. Ha collaborato con Acre, Aparticle, Cristian Maddalena, Elio Martusciello, Flavio Zanuttini, Francesco Massaro, Peter Bartlett.