Le nuove generazioni compositive italiane: Livia Malossi Bottignole

0
374

Nelle produzioni giovanili dei compositori si incontrano spesso i semi creativi di quello che poi sarà il loro definitivo cammino nel mondo musicale. Si tratta di comprenderne subito i pensieri, i valori e le aree di interesse, cosa non facile oggi per un critico musicale o anche per un esperto del settore, dal momento che spesso non si dispone di tempo a sufficienza per effettuare ricognizioni su compositori che hanno dimensioni diffusive basse e la cui musica passa ‘silenziosa’ per soundcloud o siti privati. La conoscenza di Livia Malossi Bottignole (1996) è arrivata in questo modo: Livia aveva una pagina soundcloud e un proprio sito internet nei quali ho ‘curiosato’; rispettando il mio consuetudinale metodo d’ascolto

Articolo precedenteA new journey for Yaron Deutsch
Articolo successivoMargherita Berlanda: Beyond/Oltre
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.