Sound & Image: Aesthetics and practices

0
128

Negli ultimi venticinque anni della storia musicale sembra prendere sempre più forza l’idea di una composizione che voglia posizionarsi su pratiche e ricerche che coinvolgono gli aspetti visuali. Il rapporto tra suoni ed immagini non è certamente nuovo, specie se consideriamo quanto è avvenuto grazie all’avvento del cinema, tuttavia i makers della musica riversata nelle proiezioni cinematografiche o

in alternativa
Articolo precedenteDentro gli incanti di Movio
Articolo successivoUna via italiana per il duo di violini
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1600 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.