Poche note sull’improvvisazione italiana: politica economica, accrescimenti e senso del cerimoniale

0
285
Quello che Percorsi Musicali ha saputo guadagnare nel tempo è il giusto peso da attribuire alla progettualità degli artisti, calcolando bene il senso della poliedricità da loro espresso. Molti musicisti conservano nel proprio io un “tratto”, una finestra di pensiero e di espressione che vorrebbero probabilmente mostrare in

in alternativa
Articolo precedenteUn ponte musicale tra l’Occidente e Bushehr
Articolo successivoSuoni della contemporaneità italiana: Claudio Ambrosini, Plurimo e un’identità di suono veneziano
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1700 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.