I Sentieri Selvaggi sulle traiettorie della musica di Giorgio Colombo Taccani

0
363
foto Giovanni Daniotti, kind permission

In un’analisi di Maurizio Agamennone su Luciano Berio in merito ai trasferimenti di assetti o tratti parziali di opere pre-esistenti, l’etnomusicologo mise in evidenza differenti modalità di “prelievo” del transito tra cui pose in rilievo anche la possibilità di ottenere dei modelli operativi con proprie procedure espressive o narrative:
“…si tratta di un processo astratto: il compositore individua alcune modalità di combinazione di episodi, elementi formali e strutture narrative,

in alternativa
Articolo precedenteLa musica imprevedibile di Francesco Giomi
Articolo successivoLa giovane improvvisazione italiana: Giacomo Zanus
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.