Un teatro delle pulsazioni: Hugo Morales Murguia e le sue machines

0
826
Captura de Pantalla 2023-12-01

A fronte di un mondo che fa fatica a capire i benefici che possono scaturire da un’esposizione sonora non convenzionale, ci sono per fortuna molti compositori che all’opposto sostengono la loro esperienza sonora esclusivamente tramite i rumori o i suoni catartici, in ciò calpestando la normalità. Non dev’essere difficile per il lettore di Percorsi Musicali comprendere che questa rivista si nutre abbondamente di questa direzione e sorregge una pratica dell’ascolto che non può fare a meno di eleggere e analizzare le forme sonore che ci circondano abitualmente.

Tra i compositori che più si sono addentrati nei confini del rumore e della loro organizzazione come atto compositivo c’è sicuramente il messicano Hugo Morales Murguia, la cui filosofia compositiva

Articolo precedenteHugues Vincent
Articolo successivoIlaria Baldaccini: Corde e Martelletti
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.