Massimiliano Viel sul tema dell’ascolto: i suoi libri e una conversazione

0
247
Studio Guerra. Liveset "Umwelt (versione IA), gentile concessione Viel

Nel riconoscere l’importanza primaria della musica molti evidenziano la particolare funzione cognitiva e culturale che essa determina. Accostarsi alla musica significa elaborare un pensiero secondo logiche che non appartengono solo al settore considerato. Va da sé il fatto che parlare o ascoltare musica oggi sia diventato un idioma culturale che investe tantissimi campi del sapere e l’intersezione interdisciplinare fa da traino a nuove intuizioni che giovano al pensiero musicale.

Uno dei più importanti affondi nella formazione di un corretto valore aggiunto della musica sta nell’”ascolto”. E’ un tema ampio e fondamentale sul quale si incastrano gli studi sulla percezione e la cognizione, tema che il compositore e studioso Massimiliano Viel ha affrontato con ampiezza e dettaglio nel 2019 attraverso la tesi di dottorato all’Università di Plymouth: Listening Patterns. From Music

Articolo precedenteKory Reeder: Everywhere the Truth Rushes In
Articolo successivoToshio Hosokawa: Light and Darkness – Works for Saxophone
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.