Investigazioni sul canto

0
125

Sulla superficialità di come oggi si interpreta il canto si potrebbero scrivere fiumi d’inchiostro e nel totale asservimento del sistema musicale ad una politica della conformità e del rifiuto di qualsiasi forma di destrutturazione, ci sarebbero i presupposti per un’involuzione del canto stesso. La realtà è diversa, non è vero che non ci sono nuove idee esteticamente valide

in alternativa
Articolo precedenteSpectral dilations and cybernetic constructions: Marisol Jiménez
Articolo successivoRosario Di Rosa nel mondo di Professor Bad Trip
Music writer and founder of Percorsi Musicali, a multi-genre magazine focused on contemporary music and improvisation's forms. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 1800 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.