Arash Yazdani: Propagation of Uncertainty

0
1111

Dovrebbe proprio cambiare l’educazione all’ascolto rivolta alla microtonalità. L’auspicio di un mutamento viene dal fatto che probabilmente non si è ancora arrivati ad un livello di comprensione sufficiente per evitare che la microtonalità venga vista solo come uno spazio di ricerca. In questo mondo ‘allargato’ sulle frequenze e intriso di ‘manovre’ per rilevarle, si condensano molti pregiudizi già in partenza (persino tra gli addetti ai lavori, cioè i compositori), sebbene determinati percorsi compositivi sulla microtonalità abbiano aperto dei varchi estetici sui quali un consenso dell’audience c’è stato. Andrebbe

Articolo precedenteBacchette Magiche: le conversazioni/divagazioni di Armaroli e Centazzo
Articolo successivoMiano & Cusa: Travels on the cusp of a needle
Music writer, independent researcher and founder of the magazine 'Percorsi Musicali'. He wrote hundreads of essays and reviews of cds and books (over 2000 articles) and his work is widely appreciated in Italy and abroad via quotations, texts' translations, biographies, liner notes for prestigious composers, musicians and labels. He provides a modern conception of musical listening, which meditates on history, on the aesthetic seductions of sounds, on interdisciplinary relationships with other arts and cognitive sciences. He is also a graduate in Economics.